CONDIVIDI

Patrick Hardison era un pompiere rimasta sfigurato nel tentativo di salvare una donna da un incendio. Il tetto però ha ceduto, colpendolo, e il fuoco gli ha provocato ustioni terribili sul viso, tanto da deturparlo completamente.

Nell’agosto scorso però un team di medici ha eseguito un trapianto di faccia, il più esteso mai realizzato al mondo, comprensivo di scalpo e ciglia,

presso il centro medico “Langone” della New York University. Il donatore è un ragazzo di 26 anni, morto in un incidente in bicicletta.

Il trapianto

Il pompiere ha dovuto aspettare più di un anno un donatore adatto al trapianto e ad agosto, dopo 26 ore in sala operatoria, ha finalmente ricevuto un volto nuovo.

La percentuale di sopravvivenza all’intervento era del 50% ma l’uomo l’aveva fortemente voluto.

Nonostante siano passati solo pochi mesi, i medici sono fiduciosi. Hardison dovrà però prendere dei farmaci antirigetto per tutta la vita e dovrà prestare molta attenzione alle infezioni che potrebbero insorgere.

Hardison dice che con questo volto gli è stata donata di nuovo la vita e che ora può girare per strada senza che i bambini piangano nel vederlo e per questo ringrazia tutti i medici.

Il primo trapianto di faccia è stato fatto nel 2008 in Cina ma il paziente è morto due anni dopo per avere abbandonato le cure con i farmaci e usare cure omeopatiche.

LASCIA UN COMMENTO